martedì 17 settembre 2013

2 LIBRI E 1 CONIGLIO

Leggere è bellissimo. Leggere è come viaggiare per il mondo,ogni libro una storia da vivere.
Una poltrona comoda,un bel libro e tutto quello che non va scompare come per miracolo,la mente si rilassa e tu tu puoi vagare per mondi immaginari e vivere avventure che non credevi possibili.




Il primo libro è "IL RIFUGIO DEI CUORI SOLITARI" di Lucy Dillon.
Un romanzo molto bello in cui si celebra il potere che gli animali hanno sulla nostra anima,il potere di cambiare sempre in meglio la nostra vita.
Lo consiglio a tutti coloro che amano gli animali in particolare i cani, ma sono convinta che questo libro penetrerà nel profondo anche di chi crede di non amarli.


"Seduta di fronte all’antica scrivania di rovere, Rachel ascolta a malapena il borbottio dell’anziano notaio che sta sbrigando le formalità testamentarie: lo sguardo è fissato verso la sua eredità. Un muso piegato di lato e pieno di comprensione, due enormi occhi color ghiaccio e un orecchio nero floscio e l’altro bianco e dritto. Gem non è un cane come tutti gli altri, è il border collie dell’eccentrica zia Dot che, morendo, ha deciso di lasciare alla nipote tutti i suoi averi: una grande tenuta in campagna, un rifugio per cani abbandonati e soprattutto Gem, l’amico prediletto. Rachel non è certo un tipo da cani e la sua sofisticata e mondana vita a Londra non l’ha preparata al faticoso lavoro in campagna. Ma tutta la sua vecchia esistenza è appena andata a rotoli, perché la sua relazione con Oliver, che era anche il suo capo, è appena finita e Rachel è rimasta senza lavoro, senza soldi e senza amore. Non tutto però è perduto e, proprio grazie a Gem e al suo amore incondizionato, Rachel scopre di avere un vero e proprio sesto senso nel trovare i padroni più adatti a prendersi cura dei piccoli trovatelli del rifugio. Nathalie e Johnny sono una giovane coppia senza figli e solo le corte zampette di Bertie, un tenero basset hound, possono far tornare il sorriso sulle loro labbra, come quando si sono conosciuti. Zoe crede che la piccola Labrador Toffee sia uno scomodo regalo che l’ex mrito ha fatto si suoi figli, ma presto deve riconoscere che il vero regalo l’ha ricevuto lei. E Bill, un incallito cuore solitario, non sa resistere ai dolci occhi neri della barboncina Lulu, che lo guardano adoranti da sotto i ciuffi di pelo. A tutti loro Rachel dona una nuova opportunità per una vita migliore, ma dovrà essere forte abbastanza da dare una seconda occasione anche al suo cuore spezzato…"







IL RUMORE DEI TUOI PASSI  di Valentina D'Urbano è invece un libro tutto diverso dove c'è poco da sognare,un libro che ci rovescia addosso una realtà scomoda che è quella dei palazzi popolari che sono sempre alla prima periferia delle grandi città dove la vita ha poco di poetico ma tanto degrado e tanta sofferenza.Dove ogni giorno si lotta per arrivare a sera e dove spesso si consumano violenze anche casalinghe.
E' la storia di un amore e di amicizie impossibili dove il fallimento si respira già dalle prime pagine.
Non c'è lieto fine ma tanta passione tra questi due ragazzi adolescenti costretti a vivere una realtà che li lacera: dove la sensibilità non avrà scampo,solo la forza,la caparbietà vincerà su un futuro senza via di uscita.
Lo scelto in biblioteca tra tanti libri perchè il titolo ha saputo trasmettermi qualcosa che ho voluto scoprire ed è stata sofferenza ma anche sollievo e speranza.

"In un luogo fatto di polvere, dove ogni cosa ha un soprannome, dove il quartiere in cui sono nati e cresciuti è chiamato "la Fortezza", Beatrice e Alfredo sono per tutti "i gemelli". I due però non hanno in comune il sangue, ma qualcosa di più profondo. A legarli è un'amicizia ruvida come l'intonaco sbrecciato dei palazzi in cui abitano, nata quando erano bambini e sopravvissuta a tutto ciò che di oscuro la vita può regalare. Un'amicizia che cresce con loro fino a diventare un amore selvaggio, graffiante come vetro spezzato, delicato e luminoso come un girasole. Un amore nato nonostante tutto e tutti, nonostante loro stessi per primi. Ma alle soglie dei vent'anni, la voce di Beatrice è stanca e strozzata. E il cuore fragile di Alfredo ha perso i suoi colori. Perché tutto sta per cambiare."



Un'altra cosa che mi fa stare bene è cucinare specialmente quando il piatto viene accolto con entusiasmo dai miei commensali.
Così è stato per questo arrosto che ha allietato la nostra tavola




CONIGLIO RIPIENO

INGREDIENTI: 1 coniglio disossato
200 gr di carne macinata di vitello
30 gr di parmigiano
50 gr di mortadella
50 gr di salame
1 uovo + 1 tuorlo
aglio in polvere
sale e pepe
olio
1 spicchio d'aglio
1 rametto di rosmarino
5 foglie circa di salvia


ESECUZIONE: in una terrina mescolare la carne macinata con il parmigiano ed i salumi tritati.Aggiungere l'uovo più il tuorlo,un poco di aglio in polvere e salare e pepare a piacere.
Stendere bene il coniglio disossato e sopra mettere il composto di carne macinata.
Chiudere e legare l'arrosto con dello spago da cucina.
In un tegame far rosolare bene la carne ed aggiungere gli aromi tritati e salare,sfumare con un po' di vino bianco,aggiungere poca acqua calda e cuocere coperto per 45 minuti circa facendo ritirare bene il fondo di cottura.









Posted by Picasa

3 commenti:

  1. Ottimo cibo per la mente e ottimo cibo per la pancia, cosa si vuole di più? grazie per le "dritte" cara! :-)

    RispondiElimina
  2. Ciao, c'è un premio per te, passa da me a ritirarlo: http://lamiacucinaimprovvisata.blogspot.it/2013/09/il-mio-quinto-riconoscimento-versatile.html, baci, Martina

    RispondiElimina
  3. Gradisco moltissimo sia i libri consigliati che la ricetta del coniglio che mi piace molto...
    Grazie per essere passata da me.
    Un abbraccio

    RispondiElimina